È vero che la soia fa male e andrebbe evitata?

La risposta è no!

Ad oggi non ci sono studi scientifici che dimostrino il presentarsi di danni alla salute derivati dal consumo di questo alimento.

Vediamo invece quali sono i benefici dei suoi nutrienti.

  • La soia contiene un’elevata percentuale di proteine (37% nei fagioli secchi); le proteine isolate della soia, inoltre, sono tra le poche proteine di origine vegetale a essere riconosciute di alta qualità ed elevato Valore Biologico, ovvero sono complete per l’essere umano, poiché contengono tutti gli aminoacidi essenziali.
  • Presenta una parte di carboidrati (23%) e una parte di grassi (19%), soprattutto omega3 e omega6, che contrastano l’insorgere di malattie cardiovascolari, aumentando il “colesterolo buono”.

 

Ma quanta soia si può assumere?

Non è facile stabilire una dose raccomandata specifica. È noto che sono necessarie quantità di proteine della soia almeno di 25 gr/dì per ottenere una riduzione dei livelli di colesterolo, che significa almeno 2-3 porzioni di cibi tradizionali a base di soia al giorno.

Come sempre, l’importante è fare attenzione agli eccessi!